Pensieri del tutto sconclusionati

Quando chiedo ad uno dei miei amici di descrivermi con una parola usano spesso aggettivi come: “Forte” o “leonessa”!

Appaio così propositiva e risoluta, una vera guerriera. Una persona che cerca di non piegarsi alle disgrazie che le succedono, anzi che cerca di usarle come punto di forza e ispirazione artistica. Come una fenice che risorge dalle proprie ceneri sempre un po’ più forte.

Eppure ultimamente questa forza in me vacilla…

Caratterialmente sono un persona che cerca sempre di guardare il bicchiere mezzo pieno, di non arrendersi, di non pensare nemmeno alle cose brutte quasi sia il mio modo di proteggermi.

Poi mi prendono questi momenti di angoscia e vorrei solo poter restare distesa nel letto e non pensare a nulla!

Ho tanto parlato della lunga malattia di mia mamma, che poi è uscita vincitrice e che la medesima bastarda, invece ha portato via mio papà in tre mesi nel 2009.

Adesso mia mamma è di nuovo nelle sue grinfie! Ma questa volta la situazione è molto più grave, il cancro è al fegato ed è inoperabile.

La vedo giorno dopo giorno che fatica a fare qualsiasi cosa, non posso dire che non ci provi, anche se a volte lei stessa, a mio avviso, si demoralizza e si lascia andare… In ogni caso non è una situazione facile…

Mi ritrovo ad avere 29 anni e rischiare di perdere entrambi i genitori e mi sento incredibilmente sola in questa battaglia!

Ho sempre potuto contare su di lei per tutto, consigli, supporto… È sempre stata una mia grande amica oltre che una mamma e ora ci sono dei momenti in cui nemmeno è lucida!

Io non sto bene, quella stronza della mia di malattia (la sclerosi multipla) ha deciso di bloccarmi le gambe e ho completamente perso la sensibilità dalla pancia fino a sotto i piedi; mi muovo con una stampella… Per ora sto attendendo i referti di alcuni accertamenti per sapere se dovrò integrare con altre cure, oltre alla terapia che già faccio.

Non so dove sbattere la testa e a chi rivolgermi! Non sto bene, ma DEVO essere di nuovo forte, devo essere io che sorreggo tutto e tutti perché mamma non sta bene!

Mio fratello si agita, si preoccupa, mi sembra un tornado che non riesce a fermarsi e ad osservare la situazione da un punto fermo. Mia moglie mi dà il sostegno necessario, anche se non riesce a togliermi il peso che porto addosso, o forse sono io che non permetto agli altri di togliermelo quasi fosse solo mio e di nessun altro!

In tutto questo vedo la persona che si è sempre presa cura di me che sfiorisce giorno per giorno e contro il tempo tiranno e la malattia non ho poteri! Mi sembra di correre come un criceto in una ruotina; corro corro, ma non vado da nessuna parte!

Facciamo tante, tantissime parole, ma alla sera mi ritrovo seduta sul letto a fissare lo schermo del mio telefono e a sentirmi stanca, sola e senza fiato!

Sono forte, o faccio la forte, o sono forte davvero, ma anche i duri hanno bisogno di riposare un momento ogni tanto… Non lo so nemmeno io!

So soltanto che non penso di riuscire a tenere questa linea ancora per molto…

Quando gli altri parlano di me nelle loro parole è dipinta una donna di ferro, con le palle quadrate.

Mi guardo allo specchio e mi domando…

Ma quella donna c’è ancora nascosta da qualche parte dentro di me, o piano piano si sta completamente sgretolando?

3 pensieri su “Pensieri del tutto sconclusionati

  1. Prendi fiato…e per un po’ delega Lety, prenditi cura di te,fai una cosa per volta e recupera le forze perche’ la leonesss e’ lì ma anche lei ha bisogno di riposo..

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...