Cambiamenti/ serenità

Domenica dolce Domenica!

Voi come avete passato la vostra?

Io a cucinare con mia moglie!

Lei ha preparato delle fantastiche melanzane alla parmigiana, io ho fatto la mia famosa torta di mele (famosa perché piace a tutti quelli che la assaggiano, modestamente) e poi ho provato una cosa nuova…

Ho fatto una torta salata, ma senza usare paste pronte tipo sfoglie o brisè… Una torta interamente fatta in casa, ma salata! Porri e pomodori!

In cucina c’era un piacevolissimo profumino!

Eccole in anteprima!

Comunque la torta salata a me non è piaciuta! L’ho trovata troppo “porrosa” avrei dovuto metterci qualcosa per smorzare di più il gusto, tipo del prosciutto o della ricotta… Sarà per la prossima volta!

La mia dolce metà ha detto che non era male… Troppo gentile 🤣

È stato bello passare la Domenica in casa a guardare film e a cucinare. In verità era da tanto che non riuscivo a rilassarmi così e a fare qualcosa di creativo.

Soprattutto dopo questa giornata sento che la casa sta prendendo sempre più il nostro “sapore” e inizio a vivere la quotidianità sentendomi più a mio agio. Momentaneamente riesco ad accantonare i miei demoni, o forse hanno deciso di lasciare la mia anima in pace e di farmi stare finalmente bene.

Abbiamo investito davvero molto tempo sul cambiamento e la costruzione del nostro nido… Forse finalmente riesco davvero a sentirmi di nuovo a casa.

Attribuisco il merito sia a questa Domenica che all’articolo precedente del mio blog, dove sono riuscita a tirare fuori e a sbloccare i miei pensieri.

Spero davvero di essere riuscita a liberarmi di quel magone che mi lacerava anche solo girando per casa, sicuramente qualcosa in fondo a me è rimasto; solo, forse, ha deciso di lasciarmi respirare un po’ di più.

Ed ora mi sento pronta a condividere la mia, la nostra tana con voi!

E a mostrarvi i grandi cambiamenti che abbiamo fatto!

(Ebbene si le tende della cucina sono diverse, ma rimedieremo presto 😅)

Ed ecco foto della nostra cucina prima!

(Ovviamente non ho foto della cucina da sola, non ne ho mai scattate appositamente così ne ho prese alcune dove ci fosse un po’ di sfondo, va beh potete farvi due risate con i soggetti 😂)

Di sicuro avrete notato la differenza! Ma abbiamo fatto attenzione anche ai dettagli…

I quadri a tema culinario

La tenda con le scritte “ceffettose”

I bicchieri del servizio sono di vari colori con abbinata tazzina e tazza per il cappuccino!

L’angolo caffè con la doppia zuccheriera!

I sali aromatizzati (nonché nostre bomboniere di nozze!)

Le decorazioni a tema autunnale messe per Mabon (presto avremo un altare) sopra al nuovo micronde. Ovviamente cambieranno per Samhain-Halloween, poi a Yule-Natale e via per ogni festività!

Il nuovo tappeto

I copri gas

L’orologio con la ruota dell’anno, i segni zodiacali e numeri romani.

Oltre alla cucina abbiamo cambiato l’ingresso!

Il poster di The Walking Dead sopra alla porta del bagno (ha la scritta “Don’t open dead inside” 🤣), l’albero che cambia con le stagioni e il tableau de mariage che fanno da sfondo al colore verde prato; colore che aveva scelto la mia mamma in ospedale.

Onestamente non sappiamo se volesse davvero fare il verde o se l’abbia detto così per dire qualcosa, per dire un colore… Di sicuro aveva capito che si parlava di ritinteggiare l’ingresso, ma se il “Facciamolo verde prato!”, sia stato detto con concezione di causa non lo sapremo mai… (purtroppo nei suoi ultimi giorni aveva iniziato a perdere lucidità, anche se è stata in grado di riconoscerci tutti fino all’ultimo!).

Così abbiamo optato per il verde prato, un po’ bizzarro, ma abbiamo rispettato la sua scelta!

Appese ci sono anche varie foto delle nostre nozze, un quadro con la ruota dell’anno, il quadro che avevamo preso con i miei quando siamo stati in Africa, la new entry chiave appendichiavi con la scritta “Home sweet home” e poi appoggiato vicino al modem e al telefono il nostro cake topper!

Ora vi mostro com’era prima l’ingresso!

Ehhh le foto di com’era prima l’ingresso le ho solo così! Facevo le foto per mostrare l’albero e le decorazioni…

In realtà anche l’albero è cambiato… Ma lo potrete ammirare a Yule 😅

Infineeeeee abbiamo modificato i mobili e il lavabo del bagno, ma non ho foto del prima… Non è mai stata usanza mettermi a fotografare il bagno 🤣🤣🤣 chi sapeva com’era fatto noterà la differenza, per gli altri ehhh va beh ammirate un bel nuovo lavandino 😂😂😂

Vado molto fiera sia del nostro porta panni sporchi diviso tra bianco e nero, sia del nostro lavandino doppio con la divisione profumi e oggetti per la toeletta miei e suoi ✌🏻

Indovinate qual’è il mio lato e quale il suo? 🤔

Le altre stanze non sono cambiate moltissimo, la nostra camera da letto e il salotto/studio sono pressappoco identiche, se non per qualche quadro e modifiche nella disposizione di soprammobili, ma rimedieremo!Appena avremo tempo, ma soprattutto voglia daremo il bianco anche in quelle stanze e vedremo come sistemare.

Rimane ancora la cameretta… Che era la stanza dove dormiva la mia mamma dopo che io e Hele abbiamo iniziato a convivere e quando ero piccola e adolescente era stata la camera mia e di mio fratello. Ovviamente aveva subito varie modifiche già solo dal passaggio camera mia e di mio fratello a camera di mia mamma.

In questo mese e mezzo senza lei ho iniziato subito a modificarla per non soffrire troppo…

Non vedevo la mia ex cameretta, ma la stanza dove prima di andare in ospedale la mia cara mamma si spegneva.

Adesso si è trasformata in una stanza armadi/ lavanderia (perché è la stanza dove stendo i panni e appoggio il ferro, l’asse da stiro e l’aspirapolvere).

Ho spostato lo scrittoio che prima era nell’ingresso in quella stanza dove tantissimi anni prima, quando era mia c’era una libreria e anni dopo quando era di mamma c’era un mobile con sopra le foto di lei e papi e noi da piccoli; nei suoi ultimi giorni le foto erano state spostate in un armadio e quel mobile era diventato il posto dove appoggiavamo le medicine e il materiale per le flebo (faceva le flebo a casa ogni giorno, seguita dagli infermieri delle cure palliative prima di andare al San Vito…)

Quando ho dovuto aiutarli ad “apparecchire” con i telini sterili e gli appositi contenitori una parte di me è morta, è morta mentre toglievo e mettevo via le foto e mentre appoggiavo su quel mobile siringhe e medicine.

Quella parte è morta quel giorno, ma io sono viva e sono ancora qui… E devo, devo andare avanti e raccogliere tutto il buono dei miei ricordi e continuare la mia strada!

Forse non vi sembrerà leggendo alcune delle mie parole, ma sto davvero iniziando a sentirmi più serena.

E dopo aver condiviso con voi la nostra casetta raggiungo

Hele e Noretta nella nostra stanza e vado nel nostro lettone per fare nanna!

(Di sicuro sia mia moglie che la pelosetta non saranno contente di questa foto, ma… Dettagli 😅)

Buona notte!

Compleanni 🎉🎊🎂🎁

Era una tiepida giornata di Maggio del 1998. La piccola Lety era felice, tanto felice, era il giorno del suo compleanno. Aveva raggiunto la veneranda età di 9 anni e avrebbe passato la serata a casa del nonno materno per il festeggiamento. Era il primo compleanno che passava a casa del nonno, i rapporti erano un pochino complicati, ma lei non sapeva nulla era solo felice di avere una serata diversa tutta dedicata a lei e di aver ricevuto “Barbie perle e perline”; il regalo le era stato fatto dal suo ventitreenne fratello, le Barbie e bambole più belle gliele aveva sempre regalate lui. Nella scatola rosa della “Mattel” di “Barbie perle e perline” oltre alla biondina corpo perfetto dai lunghissimi capelli, c’era un coloratissimo kit di perle, nastri, rubini, cose strane dalla forma arzigogolata da mettere tra i capelli; c’erano persino le letterine per poter fare i nomi (giustamente negli anni 90 non bastava la carta bianca, o le sgridate delle mamme a ricordare ai piccoletti chi fossero, ci si metteva perle con le lettere in testa per gridare: “Mi chiamo…”). La piccola Lety era in auto con i suoi genitori, la casa del nonno per lei era lontanissima abitavano in zona Vallette e lei era di Santa Rita, il percorso in auto pareva un’eternità. L’azzurra Renault 9 si fermò dinnanzi ad una pasticceria, la mamma doveva andare a ritirare la torta per la serata, la piccola Lety rimase ferma a fissare la sua nuova Barbie, era così bella… Il papà ticchettava le dita sul volante vagamente scocciato dall’attesa: “Queste pasticcerie sempre code!”, lei non rispose, forse nemmeno ascoltò il commento paterno e rimase a fissare la sua bambola nuova. Poco tempo dopo la mamma rientrò in auto posando il bel pacchetto sulle sue gambe e la vecchia Renault ripartì fischiando, “Hai fatto scrivere auguri Letizia vero?”, “Non ci stava Letizia la torta era troppo piccola hanno scritto Lety”, discorso normale tra i genitori della piccola, poi partirono le bestemmie che verranno censurate “Bip bip bip come Lety? Ma sei scema? Si chiama Letizia!!! Il prossimo anno allora facciamo scrivere divani già che ci sei no?!”, la piccola non fece caso alla lite famigliare il suo papà brontolava sempre, si domandava piuttosto se avrebbe potuto attaccare qualche perlina anche sul colletto del suo bel vestitino arancione, indossato apposta per la cena, ovviamente le perline non stavano sugli abiti e rimasero seminate tra i sedili delle Renault. Forse per sempre.

Nel 1999 la piccola Lety raggiungeva la cifra doppia, ben 10 anni! Era stato un anno pieno di festeggiamenti il 25 Aprile la comunione e poi il 16 Maggio o giù di lì il giorno in cui aveva festeggiato, il suo compleanno. Quell’anno la festa era a casa di sua zia Rosa che le aveva preparato una crostata di frutta, la sua specialità! Buonissima! Inoltre era grandissima! Con gli occhi di un bambino una grande teglia quadrata si trasforma facilmente nella torta più grande mai vista prima. Aveva deciso (scellerata) di tagliarsi i capelli corti, sua mamma non poteva farle fare sempre la piega e dopo la comunione, aveva aspettato per potersi fare una pettinatura lavorata; aveva deciso di tagliare via i suoi bellissimi boccoli perché faceva caldo e voleva una mise più pratica. Non l’avesse mai fatto! Anche se corti i suoi capelli rimasero riccissimi e il risultato fu pelo da barboncino in testa, nonostante corti erano comunque tantissimi e per di più ricadevano goffamente sugli occhi avendo una fronte molto bassa. Per non rischiare lo strabismo indossava cerchietti che con violenza tenevano indietro quei bei riccioli corti, sembrava Haidi ricciola, nelle foto del compleanno risaltavano la grande torta, il suo bel vestitino rosso con il colletto ricamato stile federa del cuscino e i suoi capelli improponibili.

Abbandonando gli anni 90 e arrivando al 2000 la piccola Lety frequentava la quinta elementare e compiva 11 anni. L’anno della sua prima festa a casa con le compagniucce di scuola. La mamma si era presa ferie e con la sua amica Maria avevano preparato panini mignon, riempito ciotole di patatine e pop corn e speso una quantità industriale di tempo per tagliare in micro quadratini le pizze farcite affinché somigliassero a salatini. Alla piccola Lety piaceva il gusto dei salatini ma non la forma e per cui non li mangiava… Voleva focacce con wurstel, pizze rosse con olive tagliate a quadratini sottili e dire: “Questi sono i salatini con le forme belle!” Aveva mantenuto un’acconciatura pessima perché i suoi capelli crescevano davvero lentamente, per cui figuravano poco più lunghi dell’anno prima, quel tanto che bastava da non aver bisogno del cerchietto per non farli ricadere in modo fastidioso sugli occhi e lei li pettinava con cattiveria nel tentativo di renderli meno ricci. La sua migliore amica dei tempi le aveva regalato il suo Pokèmon preferito: Giglipuff! Lety è brava a cantare e intonò la melodia del Pokèmon rosa gasandosi per le attenzioni su di se. Pokèmon che aveva governato la mensola sul suo letto e che con gli anni dove sia finito non si sa. Dopo qualche paninetto e pizzetta, (avanzò cibo per tre giorni) le piccole bimbe andarono in salotto a creare una coreografia per un balletto che avrebbero poi dovuto fare davanti a tutti i genitori che venivano a riprendersi le figlie. La colonna sonora era la traccia numero 9 del primo CD degli Aqua “Roses are red” che ad un certo punto faceva: “Ah di da did mud- Ah di da did mud” con conseguente passo “dell’affogato” quando ci si tappava il naso e si andava giù oscillando come se si andasse sott’acqua, (non ridete lo fa anche Uma Thurman in Pulp Fiction)

Nel 2001 i festeggiamenti furono una semplice torta a casa, alla mamma era stato diagnosticato un tumore e faceva la chemioterapia, non stava affatto bene e la piccola Lety che ormai aveva 12 anni stava per finire la prima media e così tanto piccola non era più, aveva capito che le cose erano gravi e tristi, non si arrabbiò per la mancata festa.

Nel 2002 la mamma della piccola tredicenne ancora non stava bene e proprio il giorno del suo compleanno doveva andare a Candiolo, lei ormai era abbastanza grande da poter rimanere a casa da sola per qualche ora, chiese alla mamma di poter fare una piccola festicciola in casa con qualche compagna di scuola e di catechismo, la mamma accettò e comprò qualche pacco di patatine, pop corn e la torta della mulino bianco al limone. Si era, però, scordata di comprare i bicchieri di plastica, Lety era preoccupata che le sue invitate usando bicchieri in vetro, sulla quale non si poteva scrivere il nome; avrebbero potuto prendere da bere per poi abbandonare il bicchiere da qualche parte e non ritrovarlo più, o mischiarlo con quello di un’altra invitata. La golosità della famiglia salvò la festa! Avevano i bicchieri della Nutella con i segni zodiacali e per qualche caso fortuito le sue invitate avevano tutte segni diversi e per ognuna il bicchiere c’era, anche se la collezione non era stata ultimata. Fieramente distribuì i bicchieri come se fossero il Santo Grall e dopo qualche patatina e due chiacchiere, andarono sotto in cortile a giocare a palla. La festa fu salva! I bicchieri negli anni si sono volatilizzati, ma recenti studi di antropologia sostengono che siano in un qualche buco nero insieme al Giglipuff regalatole per gli 11 anni.

2003 e Lety era arrivata ai 14 anni. Non c’era un motivo preciso, ma odiava tutto e tutti. “Nessuno mi capisce, mi rompete sempre le scatole, io sono quella piena di problemi, odio tutti” era troppo narcisista per infilarci in mezzo il: “Faccio schifo, non mi piaccio, sono grassa, sono magra”, cosa che assolutamente non pensava di se. Aveva iniziato a vestirsi completamente di nero e portava lunghissime gonne nere, con un vertiginoso spacco sul retro, abbinate ad Adidas bianche con le tre strisce nere e maglie con maniche a zampa d’elefante, tutto rigorosamente nero, gli orecchini erano dei teschietti, i capelli ormai lunghi li portava legati in code strette rompendo innumerevoli elastici, oppure li stirava fino a bruciacchiarli, ma era nel periodo anti ricci e non ne voleva sapere! Aveva due amiche veramente stronze, ma lo capì solo molti anni dopo. Uscita dalle medie passò la giornata a casa di una delle stronze, la mamma aveva organizzato pranzo e una tortina e avevano mangiato tutte e tre lì perché così Lety avrebbe passato almeno “il compleanno bene” (sì, una giornata lontana da casa, perché era quella con la mamma malata e quindi meglio che almeno il compleanno si passava lontano da chemioterapie e operazioni varie). Passò il pomeriggio a chiacchierare con le due stronze e a mangiare schifezze sedute sul tappeto guardano MTV, doveva poi rientrare a casa ad un certo orario, ma fece tardi, per colpa delle altre due che le avevano fatto perdere tempo. La mamma era stanca e non stava bene e voleva almeno passare la cena con lei perché era il suo compleanno, ma lei tardò; non di molto, ma quel tanto che bastava per veder suo padre a metà strada tra casa sua e quella della sua amica stronza che l’aspettava per caziarla “Perché così non si fa! Avevi un orario! Non hai rispetto!”, lei rimase zitta il padre aveva ragione era tardi, ma dentro di se una vocina gridava: “È il mio compleanno! Perché mi sgridi? E poi ho una nuova tracolla me l’hanno appena regalata e non mi chiedi da dove salta fuori?”, arrivata a casa la mamma non stava bene ed era tra il triste perché sapeva che era stata sgridata, arrabbiata perché aveva disobbedito e stanca morta per il pomeriggio passato a fare terapie; non si parlarono. La tracolla negli anni finì nel famoso buco nero sopra citato.

Nel 2004 Lety frequentava la prima superiore e compiva 15 anni, una delle stronze amiche non abitava più in città era rimasta solo l’altra con cui, in quel periodo i rapporti erano più freddini. Aveva deciso di buttare nel gabinetto la Lety delle medie e costruirsi una Lety delle superiori popolare e carina, così entrò nel gruppetto delle “IN” della scuola, in vero stile “Mean girls”, (solo che lei si vestiva di nero). Aveva varie bionde ciocche sparse tra i suoi riccioli color nocciola, unico punto di luce del suo ormai nuovo look consolidato. La sua migliore amica del momento l’aveva convinta ad invitare suo cugino alla festa perché così invitava un po’ di amici, festa che si sarebbe tenuta in pizzeria. L’unica cosa positiva di quella festa fu che un’amica le aveva regalato la sua prima borchia a collana; vista con occhi più maturi anni dopo: Il collare dei bulldog e ci si domanda come cavolo si possa indossare una cosa simile! Ma ai tempi fu il regalo più bello che mai potesse ricevere, anche perché i suoi non volevano che le indossasse, ma se era un regalo… Questa amica si perse poi negli anni, ma senza litigi semplicemente presero strade diverse, in ogni caso lei non era tra le stronze. Dopo la festa rimase con la sua biondissima e magrissima migliore amica Barbie dei tempi, andarono a sedersi in un parco loro e gli amici del cugino della bionda. Dopo la pizzata, metà invitati era andata a casa, per lei in teoria la festa doveva iniziare in quel momento. Il ragazzino “che le era stato assegnato” nel tentativo di limonare le aveva fatto cadere a terra la macchina fotografica, la cara Nikon a rullino; dentro c’erano giusto tutte le foto fatte alla fiera del libro, dove lei aveva cantato come soprana solista nel coro che era stato selezionato per inaugurare l’apertura della fiera. (E sì in prima superiore entrò nel coro scolastico usando le sue doti canore in modo più furbo rispetto alle imitazioni del Pokèmon canterino e grazie alla sua bravura ottenne vari riconoscimenti). La sera prima della pizzata la mamma le aveva detto: “Ma si portati la macchina che il rullino è da 36 così fai qualche foto alla tua festa e poi le sviluppiamo”, peccato che la macchina cadde, si aprì e le foto vennero tutte perse. Tornò a casa pensando che non le fregava nulla di essere una delle “IN” se tanto le stavano tutti sulle palle e quel ragazzino non baciò nessuna per quella serata.

Nel 2005 Lety si era fatta una personalità e aveva un bel gruppetto di amiche, anche se alcune tra le stronze che poi abbandonò negli anni; specialmente aveva stretto amicizia con Rossella che tutt’ora è coma una sorella per lei e poi si era fidanzata con Hele a Giugno dell’anno prima. Festeggiò nella stessa pizzeria dell’anno prima e dopo andò con le amiche nello stesso parco, ma si divertì molto di più. Aveva un bell’abito nero lungo e i capelli erano legati in una morbida mezza coda, erano ormai molto lunghi e i ricci ricadevano su tutta la schiena. L’unico errore della serata lo commise suo papà, convinto che ormai la figlia, dato che faceva 16 anni e aveva tante amiche, una semplice bottiglia di spumante non sarebbe bastata. Immaginate avevano bevuto tutte giusto un’unghia con la torta per urlare: “Auguriiiiii yeeee!”, la bottiglia ormai aperta la lasciarono alla pizzeria, ma la bottiglia chiusa era stata pagata ed era uno spreco lasciarla lì, per cui decisero di portarla con sé. Andarono al parco, fecero anche molte foto immaginando di essere delle ballerine di pole dance ai pali della luce sia lei che la sua migliore amica Rossella. Risero molto e si divertirono tutte, suo padre andò a prenderla in auto e doveva poi riaccompagnare parte delle sue amiche alle varie abitazioni, ancora ridendo e starnazzando salirono tutte in auto e poco dopo la bottiglia di spumante chiusa esplose nell’allora Alfa 146 bordeaux di suo padre. 😱

(Con Hele)

Nel 2006 Lety faceva 17 anni e aveva capito che nella vita c’erano cose più importanti di un semplice compleanno. La mamma, a seguito di ulteriori interventi chirurgici, aveva preso una brutta infezione ed era ricoverata in quarantena all’Amedeo di Savoia. Per entrare nel suo reparto bisognava indossare una specie di scafandro arancione. Per fortuna sua mamma non aveva un’infezione così grave da dover indossare l’armatura pure per stare in stanza con lei. Uscita da scuola alle 13.30 si recò all’ospedale e passò l’intera giornata con lei, l’intera tiepida giornata di Maggio dentro quella stanzetta bollente. Quando arrivò il vassoio della cena, alle 18.30, lo divisero dicendo che era la cena di compleanno. Alle 20 arrivarono suo padre e suo fratello a trovare la mamma e tornò poi a casa con loro, il papà preso da davvero troppi pensieri si dimenticò di farle gli auguri, suo fratello le regalò un cellulare, che poi lei ruppe poco dopo, ma non lo fece apposta.

Nel 2007 finalmente Lety compiva 18 anni. Il suo abbigliamento passava dal dark nero perenne: Gonne lunghe, le scarpe da ginnastica erano state sostituite da intramontabili anfibi, oppure abbigliamento più all’ Avril Lavigne sullo stile punk-dark, dove il nero e basta era accompagnato a mise a quadrettoni o righe, cravatte e le gonne venivano riposte in cassetti e sostituite da pantacollant che si infilavano dentro ad all stars con teschietti. La mattina del suo compleanno i suoi genitori erano in montagna perché da poco avevano comprato casa lì e lei si era messa d’accordo con la mamma per far dormire la sua fidanzata a casa e risvegliarsi insieme. Ovviamente tagliarono scuola. Lei era malatissima e avrebbe fatto bene già che non era andata a scuola a restare a casa nel letto; aveva un mal di gola fortissimo e il naso chiuso. Eppure andarono all’8 Gallery e pranzarono con hot dog, di cui non sentì il gusto perché stava troppo male. Il giorno in cui fece la festa con gli amici, invece, era stata dal parrucchiere, aveva deciso di togliere via completamente le ciocche bionde e di ritornare al suo castano. Si fece fare una tinta color cioccolato, era più chiara del suo colore naturale, ma dopo tutti quegli anni di ciocche bionde non si notava e si fece fare i capelli lisci; da lisci parevano lunghissimi i suoi capelli. Quell’anno successe una cosa che pochi possono vantare… La sua migliore amica, che tra l’altro stava malissimo, perché le aveva attaccato l’influenza qualche giorno prima; l’aveva vista che stava per entrare nel locale (era stato prenotato in una pizzeria e lei aveva una saletta solo per se al piano di sopra). La bella ragazza dagli occhi azzurri come i gatti richiamò il silenzio avvisando che Lety stava per salire, mentre saliva le scale tutta l’attenzione fu su di lei e all’unisono applaudirono e fischiarono tutti come se fosse arrivata una grande attrice sul red carpet (anche se con alcune delle invitate negli anni i rapporti si persero e anche in malo modo, quell’entrata trionfante rimarrà per sempre nel suo cuore). Indossava un bell’abito nero aderente e viste le sue forme tutti le dissero che sembrava Jessica Rabbit. Rossella (la sua migliore amica) era vestita in serio stile post-punk e sembrava davvero Avril Lavigne. Hele si era vestita in modo casual-elegante con un bel jeans e una maglia tutta particolare. Negli annali resterà il biglietto di auguri del migliore amico e poi testimone di nozze di Hele (lo aveva scritto al contrario)

(Con Rossella)

Nel 2008 Lety non voleva festeggiare, aveva la maturità, gli anni li compiva a Maggio ed era davvero troppo vicino all’esame. Hele, Rossella e il fidanzato di quest’ultima le organizzarono una festa a sorpresa e la rapirono (letteralmente, con tanto di bendaggio agli occhi e ai polsi, per poi caricarla in auto e portarla alla festa). Nel tragitto in auto aveva riconosciuto le voci camuffate dei suoi amici che le dicevano che era stata sequestrata e non si era agitata nemmeno per un secondo, ma era stata al gioco fingendosi agitata, nel caricarla in auto le avevano rotto le calze e durante la festa rimase in mini gonna con un grosso buco sulla coscia destra che maldestramente tentava di coprire per le foto.

2009 Lety aveva finito le superiori e aveva iniziato a lavorare, faceva solo il servizio civile e guadagnava 480 euro al mese, ma per i suoi piccoli capricci bastavano e avanzavano, non aveva ancora spese da dover fare. Per cui con la sua dolce metà decisero di passare il compleanno a Roma e girare per 5 giorni la città eterna. Il giorno del compleanno la destinazione era il Colosseo, un bel ragazzone che assomigliava a Thor vestito da centurione insistè nel fare qualche foto sperando di guadagnarsi qualcosa a offerta libera. Scoprì però che Lety faceva gli anni proprio quel giorno così non solo non le fece pagare la foto, ma le fece anche un bacia mano e lei poi se ne vantò fino ai fori imperiali. Centurione apparte fu uno dei compleanni più romantici di sempre, gli indimenticabili 20 anni, quelli del loro viaggetto romantico nella città eterna.

(PS: da quell’anno aveva deciso di smettere di essere “dark”, semplicemente una mattina guardando il suo armadio pensò: “Che tristezza è tutto nero!”. Lasciando l’ebano per gli abiti eleganti.)

Nel 2010 Lety, che sicuramente non può più essere definita “la piccola Lety”, compiva 21 anni. Questo per lei fu un compleanno molto particolare, il primo compleanno dopo la morte di suo papà (1 Dicembre 2009). Erano passati diversi mesi e la cosa migliore per cercare di riprendere una vita normale era festeggiare e cercare di comportarsi il più possibile come prima. Fu anche il primo compleanno con la diagnosi di sclerosi multipla, non chè con la terapia (ai tempi le iniezioni settimanali di interferone). Non poteva andare a fare bisboccia in giro con la terapia iniziata solo ad Aprile e il corpo che doveva ancora abituarsi; per cui sua mamma, quella grande donna di sua mamma, con l’aiuto di Hele e Rossella organizzò una festicciola a casa. Una cena con gli amici interamente preparata in famiglia! (La fortuna di avere una mamma e una fidanzata molto dotate ai fornelli). La mamma organizzò anche la festa per suo fratello il 4 Giugno, lui ne compiva 35 di anni! Voleva far sentire entrambi bene nel loro giorno speciale, nonostante la grande perdita subita. Fu una festa piuttosto carina anche se con la metà degli invitati, gli amici di allora, ormai “la piccola Lety” nemmeno parla più, anzi con alcuni forse ha tolto persino il saluto, ma queste sono altre storie! La cena fu ottima e le torte ancora di più, ovviamente per fare le cose in grande vennero fatte una crostata alla frutta e una torta sacher; gli invitati non erano un numero così alto da dover fare due torte, ma così venne deciso (tranquilli nessuno se ne lamentò!) Lety non stava molto bene, sorrideva certo e si godeva il suo giorno, ma le terapie erano decisamente difficili da gestire e quella particolare mancanza era ancora vivida, una cicatrice fresca… In ogni caso la festa si concluse lei Hele e Rossella a ridere e scherzare e si sà… Quando si sorride le cose non possono far altro che migliorare!

Ed ecco che arriviamo al 2011 e la nostra giovane donna protagonista compie 22 anni! Continuava con le terapie, anzi le iniezioni di interferone da una la settimana divennero tre alla settimana e la facevano stare piuttosto male… Ma Lety è una persona forte e aveva iniziato ad abituarsi e ad organizzare le sue giornate nonostante tutto! Aveva deciso di fare un apericena in un locale elegante così da potersi anche vestire in modo curato come piace tanto a lei! La festa fu molto divertente, aveva affittato la saletta al piano di sopra solo per lei e gli amici, ma ci furono alcune incomprensioni, che non rovinarono il divertimento, ma di certo possono essere annoverate in storie da raccontare! Prenotò per le 20.30, vero in un orario decisamente “tardo” per far apericena, ma chiese ai proprietari prima di organizzare… Ovviamente risposero che non c’erano problemi, ma… Il buffet alle 21 sparì lasciando i suoi invitati senza la possibilità di fare vari bis e contando il prezzo e il posto rinomato fu decisamente deludente! (Insomma ditelo se alle 20.30 è tardi, faremo in modo di arrivare prima, non che mi decanti un fantastico menù, i più lenti riescono a mangiare giusto un piatto, poi vogliono fare il bis e il buffet è sparito!) Apparte questo e la dimenticanza delle candeline al locale per l’arrabbiatura la serata andò liscia! Si concluse con le solite tre Letizia, Helena e Rossella insieme a ridere e scherzare, ma questa volta su una panchina del parco del Valentino con le scarpe in mano per dolori da tacchi alti! Rossella scalza con i piedi gonfissimi appoggiati su uno scatolone per non metterli direttamente a terra e Letizia che era partita in “Cafè Noir” calzava un paio di infradito appena ricevute come regalo proprio da Rossella (azzeccato in quanto si erano appena iscritte in piscina)

(🤣🤣🤣)

Il compleanno del 2012 fu pessimo! Si decise di festeggiare con un’altra amica che compiva gli anni circa nei suoi stessi giorni e di fare un compleanno in comune… Pessima idea! Letizia già è una ragazza egocentrica e se può vuole attenzioni solo per lei, nel giorno che poi reputa il suo, perché è la sua festa condividerla di certo non è una grande idea! Ai tempi frequentava ancora quelle specie di amiche con cui poi negli anni ha chiuso e come può essere successo a molti nella vita si faceva condizionare… In quell’anno in modo particolare! Rossella decise di non andare alla festa, anche per farle capire la cattiva idea, purtroppo ai tempi non aveva capito, o non aveva battuto abbastanza il naso… C’erano delle persone molto deleterie per lei, che tra l’altro per molti anni le hanno impedito di sbocciare! Crearono problemi anche alla sua relazione sentimentale e alla sua amicizia con Rossella che per lei è sempre stata come una sorella! Eppure specialmente dopo la morte di suo padre si rifugiò al fianco di certe persone che aveva allontanato per poi riavvicinarle e capì con il tempo che andavano solo lasciate alle spalle!

Finalmente nel 2013 Letizia aveva chiuso definitivamente con le persone nocive e aveva conosciuto persone nuove! Ovviamente l’amicizia con Rossella e la sua relazione con Hele non erano in discussione, ma loro sono sempre state parte della famiglia non solo grandi amiche. Aveva iniziato a lavorare nelle scuole come insegnante grazie ad una ragazza che aveva conosciuto proprio dopo la rottura con le vecchie amiche! Quell’anno Rossella cucinò con le sue manine la torta per la sua migliore amica che si gustarono con il gruppo alla pizzeria dove festeggiarono. Quell’anno Rossella l’avrebbe resa zia dando alla luce la piccola Claudia il 30 Agosto! A Maggio alla festa si intravedeva un tondo pancino e l’umore era particolarmente alto!

Nel 2014 la nostra protagonista arrivava ad un quarto di secolo! 25 anni! Festeggiò nello stesso locale di lusso dei suoi 22 anni (prenotando l’apericena per le 19) e dopo la festa si sarebbe spostata in un pub karaoke dove avrebbe mangiato la torta con tanti amici! Per lo più colleghi, poi alcuni amici di vecchia data sopravvissuti al vecchio gruppo con cui non aveva avuto da discutere, amiche conosciute tra i banchi universitari e compagni di coro (era entrata in un gruppo corale-teatrale facente parte del Teatro Nuovo di Torino, inoltre, stava iniziando a formarsi il grande gruppo di amici che ora può vantare). La festa cadeva proprio in un giorno terapia e lei testarda, impavida e forse anche un pizzico incosciente decise di farsi l’iniezione nel bagno del pub per poi tornare alla festa! Dopo qualche ora stava talmente male che lasciò la festa con Hele dicendo ai suoi amici di continuare a divertirsi per lei e regalandogli la torta! In ogni caso prima di evadere con la propria fidanzata dalla festa fu tutto pieno di risate e canzoni!

Nel 2015 festeggiò i suoi 26 anni cenando nel ristorante cino-giapponese che aveva scoperto appena l’anno prima. Con il tempo divenne molto amica della proprietaria e il ristorante divenne praticamente la seconda casa sua e della sua dolce metà, (con la quale a Novembre 2014 aveva iniziato a convivere!) La cena fu ottima e ricca di prelibatezze orientali e dopo con gli amici andò al bowling per fare qualcosa di diverso del solito pub, per poi andare lo stesso al solito pub dopo la partita di bowling e facendo tardissimo come orario! 😅 La cosa buffissima fu che indossava un elegante abito a tubino nero, che decisamente non era la mise adatta per giocare a bowling; i vicini di pista la guardavano come se fosse aliena, ma lei adora essere guardata nel bene e nel male!

Ad Agosto 2015 quella stronza della sua malattia le aveva bloccato le gambe con conseguente impossibilità a riuscire a camminare e a svolgere le attività quotidiane in modo autonomo… Per i suoi 27 anni (Maggio 2016), con molta fisioterapia prima passiva e poi attiva e altre cure era riuscita a tornare in piedi con l’ausilio di stampelle per camminare, ma non si sentiva sicura ad uscire di casa e poi si sentiva un po’ un peso per gli amici… Inoltre aveva dovuto interrompere la terapia che aveva fatto per anni già un po’ di mesi prima… Le aveva dato innumerevoli effetti collaterali tra cui anche un aumento considerevole di peso, che francamente a lei non interessava molto sul lato estetico, ma sicuramente più peso sul corpo incideva sui movimenti, specialmente per una persona che per un po’ di mesi è stata bloccata e impossibilitata a camminare. Stava attendendo gli accordi per la nuova terapia e il morale non era molto alto. Hele le organizzò una festa a sorpresa in casa! Cucinò lei tutte le portate facendo un menù molto ricercato per far sentire la festeggiata come in un qualche locale “chic”. La sorpresa fu inaspettata e la casa era piena di gente! Non fu nulla più di una cena, qualche chiacchiera e tante risate; non andarono al solito pub, in un parco quando capitano i Maggio più tiepidi, al karaoke o simili; restarono a casa, ma Lety si sentì molto felice, aveva potuto constatare quando gli amici ci sono e tengono davvero a qualcuno nonostante tutto!

Nel 2017 aveva deciso di non festeggiare! A Dicembre di quell’anno lei e Hele si sarebbero sposate e aveva concentrato tutte le sue energie nel matrimonio! I suoi 28 anni, l’ultimo compleanno da nubile! Hele le organizzò una seconda festa a sorpresa nel ristorante giapponese che negli anni era diventato la sua seconda casa! In accordo con la proprietaria, che ormai era loro amica, (tanto che fu presente persino al loro matrimonio), organizzò tutto all’insaputa di Lety! Era diventata sospettosa visto che l’anno prima le era stata organizzata una grande festa… Ma Hele con l’aiuto di Enza (la proprietaria del ristorante) organizzò una cena intima solo loro due nel giorno esatto del compleanno di Lety che cadeva in settimana, Enza le preparò persino una piccola tortina così da farle pensare che per quell’anno la festa sarebbe stata una cosa intima e romantica che finiva lì… Invece, il Sabato con una scusa la portò fuori circa per l’ora di cena dicendole che voleva mangiare una pizza per poi portarla al nel locale di Enza dove tutti i loro amici la stavano aspettando per urlare: “SORPRESA!” Lety sconvolta disse a Hele: “Sei pazza! Così facendo alla fine hai organizzato due feste!” e la risposta fu: “Non potevo non festeggiare il tuo ultimo compleanno da nubile!” Aveva passato un anno abbastanza intenso: i preparativi per il matrimonio, la sistemazione della casa, la nuova terapia che consisteva e consiste ancora in una flebo ogni 28 giorni circa, una sorta di chemioterapia; l’iniziale perdita di capelli (che poi si è arrestata), ansia perché li avrebbe voluti lunghi per poter fare una bella pettinatura per le nozze e le cure a base di cheratina e shampoo particolari! Alla fine come la neurologa le aveva detto con quel tipo di terapia inizialmente si verifica una perdita, ma poi si arresta e i capelli crescono normalmente. Lety li acconciava in modo da non far vedere i buchi, fosse stato per lei li avrebbe anche tagliati corti, ma non quell’anno! Quell’anno voleva poter avere la pettinatura! Inoltre la terapia era sì endovena, ma essendo un farmaco chemioterapico le vene non reggono molto terapie prolungate per cui dovette mettere il port (catetere venoso, un dispositivo piccolino sottopelle con un tubicino che va direttamente alla giugulare in modo da poter fare le terapie da quello), era arrabbiata la cicatrice del port era brutta e si vedeva e temeva potesse vedersi anche nella scollatura dell’abito da sposa, insomma il compleanno era il suo ultimo pensiero! Hele riuscì a renderlo speciale anche quell’anno donandole una serata tutta per lei fatta di buon sushi e risate! E alla fine svanirono anche le paranoie! La cosa importante era che la terapia funzionava bene e aveva potuto tornare in piedi e tornare in piedi stabile, persino sui tacchi! Chissene importava che con abiti un po’ più scollati si sarebbe vista la cicatrice!

Eeeee così si concludono le avventure dei compleanni di Lety…

Almeno fin ora!🤣

Halloween 🎃 

Salve a tutti!

Questa sera (o notte vista l’ora) ci tengo particolarmente a condividere qualcosa di mio personale che trascende dal mio modo di scrivere e dalle poesie!

Vorrei parlarvi di una passione che ho da moltissimi anni e che ho via via coltivato con sempre più ardore!

Si tratta delle feste a tema con annessi travestimenti!

Halloween è da poco passato, (sto aspettando passi il black Friday per iniziare ad addobbare tutto “natalosamente”) ed essendo da poco passato ho avuto modo di pensare a come in questi anni ho festeggiato e a come mi sono travestita!

Innanzitutto questo è stato un anno specialissimo perché la mia figlioccia (la figlia della mia migliore amica storica, quell’amica che conosci alle superiori, diventa la tua migliore amica tra i banchi di scuola, poi non si capisce bene come diventate due donne adulte che lavorano, una con una bimba e l’altra con il progetto di sposarsi a fine anno; ebbene sì a fine anno 2017 mi sposo!!! 🎉🎉🎉)

Beh questo è stato il primo Halloween della mia zucchetta! Oltre alla solita festa tra adulti abbiamo fatto una festicciola per bimbi (il suo primo dolcetto scherzetto) la cosa è stata profondamente emozionante!

Non so se alla fine avrò figli… La paura di trasmettergli la sclerosi multipla o comunque (nel caso di adozioni o nel caso sia la mia compagna ad averne), la paura di essere sempre troppi passi indietro è tanta… Da quando questa malattia mi è stata diagnosticata ho sentito il corpo abbandonarmi un pezzettino di più ogni anno che passava… Tra alti e bassi certo, tra momenti di sconforto e non, io in ogni caso cerco sempre di essere super positiva e dare quanto riesco! Ma finchè siamo io, la mia dolce metà e la pelosetta che abbiamo adottato (con noi da quasi un anno) è un conto… Con un figlio le cose sarebbero diverse e io voglio essere una mamma al 100% non a giorni al 50, a giorni al 70 ed altri a letto…

Chiusa la parentesi divagante, il dolcetto scherzetto con la mia piccola zucchetta è stato stupendo! Le abbiamo anche preparato una cenetta a tema a base di dita insanguinate (wurstel con ketchap) e fantasmini di cioccolato 👻 

Poi abbiamo fatto la festa tra “adulti” il giorno dopo e ci siamo divertiti come sempre. È bello poter contare su un gruppo di amici dove ti svaghi, ridi e sono abbastanza pazzi come te da fare la pesca delle mele in un calderone (rito celtico tipico della festa) allagando casa!

Questo è il terzo anno che la cena di Halloween è a base di sushi nel ristorante che ormai è praticamente la nostra seconda casa (il Kata Radja) grazie alla nostra amica e proprietaria Enza, al cibo, alla sua ospitale è meravigliosa gestione…

Poi la festa si è spostata a casa, con gara di torte a tema e pesca delle mele! (Se riesci a pescare la mela dal calderone afferrandola solo con i denti, senza usare le mani, la suddetta mela ti porterà fortuna per tutto l’anno, dovrai solo seppellirla e aspettare che marcisca)

In ogni caso guardando le foto dell’ultimo Halloween mi sono imbattuta in foto di Halloween circa dal 2009 ad oggi…

Ho deciso che le condividerò tutte con voi!

Conosciamoci meglio e per restare in tema halloweennesco o di Samhain “Che il velo cali”


Halloween 2009, avevo solo 20 anni e stavano succedendo molte cose tristi (la disgnosi di sclerosi multipla, mio papà in ospedale ) 

Organizziamo così una festa in casa, sopratutto per tirarci tutti su di morale (mio papà in ospedale, malato terminale di un cancro silenzioso che lo ha portato via troppo presto, il 1 Dicembre di quell’anno)

Vero che non sono al meglio in questa foto, ma è stata una festa serana e divertente e mi ha donato ore di svago senza pensieri!

Eccomi qui con la mia compagna in versione Mortocia e Gomez Addams!


Nel 2010 corbezzoli pirati! Ad una festa organizzata da una mia compagna delle superiori…


L’Halloween del 2011 decido di imitare una versione dark dalle bambole di porcellana, dopo aver scoperto che fan paura a tante persone, facendo una bambola di porcellana dark e rotta (come si può notare dal viso)


Halloween 2012 decido di essere il lupo mannaro dell’adorabile streghetta della mia migliore amica!


L’anno dopo, Halloween 2013, io e la mia compagna andiamo ad un vero raduno di streghe dove viene festeggiato Samhain con annessi riti e usanze, con obbligo di cappello a punta e abito nero… Abbiamo fatto un buon lavoro?


Primo anno in cui si festeggia mangiando sushi! Avevo avuto poco tempo per organizzare un costume così mi sono arrangiata con ciò che avevo a disposizione… Potrei essere una donna ragno o Aracne, non in versione greca!


Questo è il costume dell’anno scorso, Halloween 2015, ha vinto il contest maschera più bella al nostro ormai storico locale di sushi… Sono la Dalia nera, Elizabeth Short! Se non sapete chi sia cercatela è una storia molto toccante!


Ed eccomi quest’anno con la mia streghetta e la mia zucchetta al party baby Halloween!


Ed infine… Quest’anno! 

Halloween 2016 dove io e la mia migliore amica abbiamo deciso di fare le due Marie 😂

Io Marie Antoinette e lei Mary Stuart!

(Ps quest anno il contest maschera più bella lo ha vinto mia mamma vestita da Audrey Hepburn in “Colazione da Tiffany” per lei Halloween in stile belle epoque! 😅)


Vi saluto lasciandovi questa parte di me!

Un caro abbraccio e ancora un buon Halloween a tutti! 🎃🎃🎃

Mi presento!

Sono una blogger e una scrittrice edita✍🏻
Adoro il cibo🍔🍕🍣🍪
L’esoterismo e le tradizioni popolari🪄
Le serie tv📺, sono appassionata di cinema🍿📽 e il mio regista preferito è Quentin Tarantino
Infine amo organizzare eventi e le decorazioni in generale
Il 16/12/2017 ho finalmente potuto sposarmi con la mia dolce metà 👩‍❤️‍👩, prima le cosiddette unioni civili 🏳️‍🌈 non erano legali in Italia!
Dopo quasi 15 anni di fidanzamento abbiamo coronato il nostro sogno. 👰🏼👰🏽
Nel 2009 mi è stata diagnosticata la sclerosi multipla e tutt’ora sono in cura come tanti altri guerrieri che come me hanno imparato a riorganizzare la loro vita in base alle esigenze date dalla malattia. 💪🏻
Purtroppo nel 2009 prima e ad Agosto 2018 poi ho perso prima il mio papà e poi la mia mamma a causa di un tumore fulminante per entrambi.
Eventi davvero tragici che hanno completamente sconvolto la mia vita.
Per mia grande fortuna ho una donna speciale al mio fianco, che nonostante la malattia e certe disgrazie è sempre rimasta vicino a me sostenendomi.
Il mio motto è quello di coltivare le passioni, credere nei sogni e soprattutto non cedere mai; oltre ogni difficoltà e disabilità!
Questo blog conterrà
  • Anteprime e news sui miei romanzi editi (sia di narrativa che di poesia)
  • Poesie edite e non che donerò al blog accompagnate magari da foto significative
  • Racconti o parti di racconti sia editi e/o che non farò pubblicare, ma lascerò qui per diletto dei lettori
  • Articoli in stile giornalistico di vario genere dall’attualità, alla vita mondana, all’etica, all’educazione ecc…
  • Infine semplici opinioni o aggiornamenti sulla mia quotidianità!
Non mi resta che augurarvi una buona lettura e buon divertimento!
Kiss!